NAZARENO DE SANTIS |
Le elaborazioni artistiche frutto della ricerca di uno spazio mentale, sintesi di percezioni e memorie intrinseche nell’evoluzionismo umano.
Nazareno De Santis, scultura, installazione, arte, pittura, incisione, grafica d'arte, disegno, segno
4
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-4,mt-4,mt-page-home,qode-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,capri child-child-ver-1.0.0,capri-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

E invece l’archeologia ci ha dimostrato che, come i templi greci erano colorati, così anche le sculture avevano occhi, labbra, capelli ottenuti con inserzioni di materiali diversi e con sottili effetti cromatici.

Cinzia Tesio

Work in progress

L’albero della vita, tagliato e senza radici, superstite alla secolarizzazione,
sorregge un esile sostegno di cemento su cui poggia il globo. La Terra anch’essa martirizzata, intarsiata di elementi plastici e metallici con fori, che fungono da canali che arrivano al centro della terra stessa.
Lì ci sono gli umani, rifugio di ricordi, aggrappati a speranze fragili di interiorità.

Percorso

Ruvido e levigato, gli ossimori che caratterizzano l’impronta materialistico-spirituale dell’operazione artistica di Nazareno De Santis.

Coglie e attinge importanti impulsi guida.

Addentrarsi nel profondo seguendo tragitti che portano all’essenza dell’essere umano.