NAZARENO DE SANTIS | Waiting
Le due figure rappresentano il primo Uomo e la prima Donna, il maschiele e il femminile, Boaz e Jachin; scarni da ogni umanità fisica, ma consapevoli di un sapere passato a noi sconosciuto; guardiani del tempo, difensori della memoria. La mela simbolo di perfezione è resa inaccessibile dalla corda posta a distanziare loro stessi dall'inconsapevolezza.
Nazareno De Santis, scultura, installazione,
50575
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-50575,mt-50575,mt-portfolio_page-waiting,qode-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,capri child-child-ver-1.0.0,capri-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
Waiting

(2015)

Le due figure rappresentano Boaz e Jachin, scarni, divenute metafore composte da elementi singoli che formano un’unità composta, consapevoli di un sapere a noi sconosciuto, guardiani del tempo, difensori della memoria.

La mela, simbolo di perfezione, è resa inaccessibile dalla corda posta a distanziare loro stessi dalla nostra inconsapevolezza.